domenica 31 agosto 2014

THE TAYLOR SWIFT TAG

Ciao a tutti :) Come state? Avete preso bene la fine di queste vacanze?
Oggi per tirarvi su di morale farò questo simpaticissimo tag, creato da The Book Life.
Sono stata taggata da Daniela di Wanna live not survive, che ha dato delle risposte davvero divertenti che consiglio di andare a vedere.
Questo tag consiste nell'assegnare un libro per ognuno dei dodici titoli delle canzoni di Taylor Swift, Dieci sono quelle del tag originale, mentre due sono state aggiunte da Katytastic.
Cominciamo!

RED - Un libro con la copertina rossa
Ecco una bella copertina rossa. Ho scelto questo libro perché sono arrivata solo al secondo volume di questa serie, dunque questo è il prossimo in lista.

WE ARE NEVER EVER GETTING BACK TOGETHER - Un libro o una serie che eri sicura di amare, ma con la quale poi hai voluto tagliare i ponti.
So che a molti è piaciuta questa serie, ma io non sono riuscita ad amarla. Intendiamoci, ho letto il primo libro in un giorno e non era brutto, anzi mi era piaciuto! Solo che dopo non ho sentito la curiosità che di solito mi prende per il secondo libro della serie. Forse il genere non era proprio nelle mie corde, tutta la parte psicologica, anche se ben fatta, non mi interessava molto. Probabilmente è lo stesso motivo per cui non amo i gialli.


THE BEST DAY - Un libro che ti fa sentire nostalgico/a
Per questo non c'è neanche bisogno di spiegazioni, HP è la mia infanzia :)
                                                             

I KNEW YOU WERE TROUBLE - Un libro con un personaggio cattivo che non hai potuto fare a meno di amare
Per questa canzone ho scelto Principe Magnus, della seire Falling Kingdoms. Magnus è un personaggio che compie molte azioni cattive, ma nonostante tutto non è un personaggio strettamente malvagio come suo padre. Soprattutto nel secondo libro, a volte il suo comportamento è ambiguo e sembra molto più umano, come se si sentisse in colpa per quello che ha fatto.
                                                                  

INNOCENT - Un libro di cui qualcuno ti ha rovinato il finale
Non è una cosa che mi succeda spesso, cerco sempre di evitare recensioni e possibili spoiler di libri che non ho ancora letto...però non ho potuto fare a meno di intuire qualcosa che succederà alla fine di Alleggiant, dopo il putiferio che la sua uscita ha scatenato.
                                                                  

EVERYTHING HAS CHANGED - Un personaggio che subisce una grande crescita nel corso di un libro/serie
Non ho mai letto di un personaggio che subisce una crescita maggiore di Nihal, delle Cronache del Mondo Emerso. Durante la trilogia Nihal si trasforma da ragazzetta pestifera di città a guerriera e donna, che arriva a sacrificare tutto per ciò che ama.
                                                                   

YOU BELONG WITH ME - Un libro che deve uscire per il quale non stai più nella pelle
Su questo non ho dubbi. Sto aspettando il terzo volume della serie Penryn and The End of Days da una vita e non mi arrenderò finché non lo avrò fra le mani. Sono un "pochino" ossessionata da questi libri. Il primo volume è uscito in Italia come L'Angelo Caduto.
                                                                    

FOREVER AND ALWAYS - La tua coppia preferita
Scelgo Sam e Grace della Shiver trilogy perché è una coppia dolcissima che adoro. In più quella di Shiver è una delle mie trilogie preferite**
                                                                     

COME BACK, BE HERE - Un libro che non presteresti volentieri perché ti mancherebbe troppo
Posso dire tutti??? Ho una specie di ossessione per le copertine perfette, le pagine senza angoli e in generale i libri immacolati. Soffro nel vedere un libro "vissuto" che nella mia testa diventa "maltrattato". Lo so sono esagerata, ma la verità è che mi prende un mezzo infarto quando qualcuno mi chiede in prestito un libro :)

TEARDROPS ON MY GUITAR - Un libro che ti ha fatto piangere molto
Non c'è storia che mi abbia stravolta più di questa. Il finale mi ha letteralmente uccisa, anche se l'ho apprezzato tantissimo. Il mio libro preferito in assoluto, anche se spesso non è conosciuto come dovrebbe. La trilogia di Queste Oscure Materie di Pullma è oro puro!!!
                                                                     

LOVE STORY - Un libro con un amore impossibile
Mi ripeterò, ma scelgo la serie di Angelfall, Penryn and The End of Days. Un amore più impossibile non esiste. Adoro Penryn e Raffe!
                                                                    

SHAKE IT OFF - Un libro che adori, solo per scrollarti di dosso gli haters
Eragon è stato il mio primo fantasy e ci sono molto affezionata. Nel tempo ne ho sentito di tutti i colori sulla serie e sull'autore. Avvalendosi del fatto che è stato scritto da Paolini quando era molto giovane, il libro è stato criticato e sminuito, ma io l'ho davvero adorato e riletto più volte e per questo scelgo senza dubbio Eragon.
                                                                    

Ecco fatto, queste sono le mie scelte:)
Dato che il post è già abbastanza lungo, non mi perderò in chiacchiere, ma vi saluto e auguro una buonissima domenica!
Sono taggati tutti coloro che hanno voglia di divertirsi con questo bel tag, a presto e fatemi sapere cosa ne pensate!









                                                                 

venerdì 29 agosto 2014

BOOK HAUL

Buongiorno carissimi!
L'altro giorno sono andata a fare un po' di shopping libresco e quindi è tempo di fare un book haul!
Sono partita da casa con l'intento di comprarmi un libricino, forse. Indovinate? Ne ho presi tre. E dire che sono già stata brava, fosse stato per me ne avrei presi una decina, ma il mio portafoglio ha insistito sul fatto di non esagerare e io gli ho dato ascolto... Sa essere molto convincente quando si tratta di spendere ehehe!
A parte il mio sragionare, ecco qui i miei acquisti:

Titolo: Il Sentiero delle Stelle
Autore: Amy Brill
Casa Editrice: Piemme
Pagine: 448
Trama:
Isola di Nantucket, 1845. Voglio scoprire una cometa. È questo che pensa Hannah Price, mentre, come ogni notte, si arrampica sulla terrazza più alta della casa, e scruta il cielo, con il piccolo e impreciso telescopio che le ha regalato suo padre. Una cometa che porti il suo nome: che rivincita sarebbe, per lei che di giorno fa la bibliotecaria e di notte ruba al sonno qualche ora per leggere il disegno mutevole delle stelle, quelle lucine intermittenti così lontane e piene di mistero. Per lei che, come tutte le ragazze della sua età, è destinata invece a sposare un uomo che non ama, e a vedere chiudersi così tutte le possibilità che la vita potrebbe spalancarle davanti. Un giorno, però, alla sua porta bussa Isaac, un marinaio di colore proveniente dalle Isole Azzorre, che le chiede aiuto: vorrebbe imparare a leggere le stelle per orientarsi durante la navigazione. In quegli occhi scuri, così diversi dai suoi, Hannah scorge la sua stessa passione, lo stesso desiderio di superare i confini della propria condizione attraverso la conoscenza. Lentamente, durante le lunghe notti trascorse a osservare il cielo, Hannah e Isaac vedranno germogliare l’amicizia e, poi, l’amore che sconvolgerà per sempre le loro vite. Una grande storia d’amore proibita, una straordinaria protagonista, e un grandioso inno alla conoscenza e alla libertà. Un romanzo che vi incanterà.



Titolo: Là Dove Fioriscono Le Magnolie
Autore: Darcie Maranich
Casa Editrice: Garzanti
Pagine: 264
Trama:
In un giorno di maggio, mentre il profumo delle magnolie avvolge l'aria, Rebecca impara che la realtà non è mai una sola. A quattordici anni dovrebbe preoccuparsi dei compiti e degli amici, ma la vita ha in serbo altri piani per lei. Ora che sua madre non c'è più, un'altra persona vuole prendersi cura di lei: suo padre. Proprio quell'uomo che, secondo quello che le hanno sempre raccontato, aveva abbandonato la famiglia quando Rebecca era piccolissima. Eppure adesso lui le rivela una verità diversa, inimmaginabile: Rebecca non è figlia unica come credeva, ma ha un fratello, Ben. Un bambino Down dai dolcissimi occhi a mandorla. Affrontare tutto questo non è facile. Ricominciare da zero, in una nuova città e con una famiglia di cui non sapeva l'esistenza. Rebecca non ha più punti di riferimento, si sente sola, smarrita, straniera. Ma a starle accanto c'è Ben. Perché qualunque cosa succeda, lui c'è. Con la sua spontaneità, le sue risate improvvise, il suo affetto incondizionato che non chiede nulla in cambio. All'inizio Rebecca non riesce a sentirsi a suo agio con il fratello. Eppure, giorno dopo giorno, capisce che bisogna andare oltre le apparenze e i pregiudizi. E impara che a volte un abbraccio tanto stretto da togliere il fiato può sciogliere ogni paura, che un sorriso sincero può far guardare il mondo con occhi diversi e una carezza può far riscoprire il valore delle piccole cose. Perché la vita è fatta di tante sfumature. E ci sono mille modi per essere speciali.



Titolo: Se Una Notte d'Inverno Un Gatto
Autore: Denis O'Connor
Casa Editrice: De Agostini
Pagine: 237
Trama:
Nel 1966, Denis ha 29 anni, lavora in un college e vive da solo in una casa di campagna, nel Northumberland (Scozia). Seguendo nella neve le tracce di una gatta ferita, trova uno dei suoi cuccioli di appena due settimane. È quasi completamente nero, con una piccola chiazza bianca sul petto. Dopo un mese di cure, inventandosi sistemi ingegnosi per nutrirlo, riesce a salvare l'animale. La sua "casa" nei primi tempi sarà una brocca, da cui il nome (e cognome): Toby Jug. La felice convivenza tra i due, stagione dopo stagione, è scandita da una serie di divertenti aneddoti: il micio è capace di stupire in continuazione l'entusiasta Denis. E quando Toby e Denis partono per un camping estivo a cavallo, un nuovo mondo si apre per entrambi.

Ho comprato Il Sentiero delle Stelle per due motivi: 1. Parla di stelle** ; 2. Parla di un marinaio che arriva dalle misteriose isole Azzorre! Io ci sono stata in vacanza proprio quest'estate ed ero molto curiosa.
Là dove fioriscono le magnolie lo avevo adocchiato tempo fa, quando ne avevo visto l'anteprima su Il Libraio, così appena ne ho avuto l'occasione l'ho comprato. Spero proprio che non  mi deluda, ho alte aspettative su di lui.
Se una notte d'inverno un gatto... non potevo non prenderlo. Non resisto proprio a una bella storia di un gatto e il suo padrone. Appena letto lo recensirò nella rubrica L'Angolo di Pru.

Cosa ne pensate? Avete letto qualcuno di questi libri??
E voi, che cosa avete acquistato ultimamente?

mercoledì 27 agosto 2014

Recensione COLAZIONE DA DARCY

Buon pomeriggio lettori!
Oggi sono riuscita a pubblicare ben due post, ma solo perché questo sarebbe dovuto uscire ieri e per mancanza di tempo...si sa, è slittato in avanti.
Comunque, vi propongo la recensione dell'ultimo libro letto e che vi anticipo, mi è piaciuto davvero tanto! :)


Titolo: Colazione da Darcy
Autore: Ali McNamara
Casa Editrice: Newton Compton
Pagine: 374
Titolo Originale: Breakfast at Darcy's
Trama:
Quando Darcy McCall perde l’adorata zia Molly, l’ultima cosa che si aspetta è di ricevere in eredità un’isoletta in mezzo al mare. Secondo le ultime volontà della donna, però, per entrarne in possesso, Darcy dovrà trascorrere almeno dodici mesi sull’isola di Tara, al largo delle coste occidentali dell’Irlanda. Una bella sfida, non c’è che dire, per una come lei, abituata alla frenetica vita londinese. Ma forse un cambiamento è proprio ciò di cui Darcy ha bisogno, così, senza quasi rendersene conto, da un giorno all’altro si ritrova a dover dire addio alle amate scarpe con il tacco per indossare un paio di orribili stivali. Adattarsi alla spartana vita dell’isola sarà un’impresa tutt’altro che facile, ma nel ristorantino appena aperto, tra una tazza di tè e i biscotti fatti in casa, Darcy scoprirà che l’isola ha molto da offrire… E dopo le difficoltà iniziali, il calore e l’affetto della piccola comunità di Tara finiranno per conquistare anche la mondana Darcy. Nuovi amici e forse un nuovo amore l’attendono dietro l’angolo: chi, tra l’affascinante Conor e il testardo Dermot, saprà far battere il suo cuore?

La mia recensione


Ho iniziato Colazione da Darcy pensando di leggere una di quelle commedie carine, leggere e senza impegno, che una volta finite si scordano subito. Di quelle che si assomigliano un po' tutte. Invece questo libro si è rivelato una vera sorpresa!
Mi è piaciuto tantissimo e mi ha tenuta incollata alle pagine fino alla fine. Mano a mano la storia è diventata sempre più interessante e coinvolgente, fino al tanto atteso LIETO FINE, che non mi ha delusa per niente.

Il libro racconta la storia di Darcy, una ragazza ossessionata dalla moda, che spende troppi soldi in abiti firmati e non oserebbe mai uscire di casa senza scarpe e borsa abbinate, che si ritrova in Irlanda al funerale della sua cara zia Molly, che non vedeva ormai da troppo tempo.
Proprio durante questa occasione, Darcy incontra Niall, l'avvocato di zia Molly, che le comunica di essere l'unica beneficiaria dell'eredità della donna. Un'eredità molto speciale! Infatti sua zia le ha lasciato un'isola chiamata Tara (Glentara), al largo della costa Irlandese.
Darcy però potrà entrarne in possesso solo se accetterà di vivere sull'isola per un intero anno, con una comunità di almeno quindici persone.
Dopo varie riflessioni, aiutata anche da alcuni sfortunati eventi, la ragazza deciderà di imbarcarsi in questa nuova avventura, nella quale sarà accompagnata dal suo nuovo fidato "braccio destro" Niall, addetto alle finanze, dallo scontroso costruttore Dermot, dall'affascinante Conor e dalla sua migliore amica (taccododicidipendente) Roxi.
Sull'isola, Darcy dovrà abbandonare le sue amate borse e rimboccarsi le maniche, per costruire, tra un imprevisto e l'altro, un'accogliente villaggio per i suoi nuovi abitanti.
E forse, durante il viaggio, riuscirà anche ad incontrare il vero amore....

Darcy inizia il suo percorso insicura e ritrosa a lasciarsi andare, ma pian piano, grazie all'atmosfera dell'isola di Tara e la simpatia dei suoi abitanti, scopre la donna in gamba che in realtà è.
Fin da subito, si ritrova sommersa dai problemi di gestione dell'isola, ma lei non si lascia scoraggiare, dimostrando di avere una mente capace di sfornare idee geniali e un buon cuore.
Tra un battibecco con Dermot e una leggenda dell'anziano Eamon, la sua vita prende finalmente il volo, lasciandosi alle spalle i dolorosi ricordi del passato e le paure del presente.

Dermot. Che dire di lui? Burbero, inflessibile, pragmatico. Un uomo che non rende certo la vita facile a Darcy, ma su cui si può sempre contare. Un personaggio solido, che mi ha fatta davvero divertire durante le sue quotidiane litigate con la ragazza.
Dermot è tanto scuro quanto Conor è chiaro. Sono uno l'opposto dell'altro.
Conor è sempre allegro, attivo, socievole e sfuggente, come un gabbiano che potrebbe prendere il volo da un momento all'altro.
Darcy da subito si invaghisce di lui, anche se rimane qualcosa che non la convince (e non convince neanche me).

Ho trovato la storia originale e simpatica. L'atmosfera che si respira sull'isola mi ha catturata subito, con la sua bellezza selvaggia e la magia delle antiche leggende celtiche, che arricchiscono il racconto con un po' di mistero.
Leggendo questo romanzo si avverte chiaramente l'amore per l'Irlanda che l'autrice vuole trasmettere, descrivendo scogliere a picco e spiaggette solitarie.


Lo stile di Ali McNamara è fresco e simpatico, dettagliato senza mai essere noioso. Mi ha decisamente conquistata!

Una lettura piacevolissima, una vera sorpresa. Perfetta per assaporare queste ultime giornate di un'estate che sta ormai volgendo al termine.


Voto: 5/5


WAITING ON WEDNESDAY

Waiting on Wednesday è una rubrica ospitata dal blog Breaking The Spine in cui si mostra l'uscita più attesa ogni settimana.

Ciao a tutti :) Eccomi qui con il nuovo appuntamento della rubrica Waiting on Wednwsday! 
Oggi vi presenterò un libro che mi ha colpita subito con la sua bellissima copertina. La trama inoltre mi ispira davvero tanto, chi non vorrebbe creare dolcetti nella vita?

Titolo: Gli Ingredienti della Felicità
Autore: Katy Cannon
Casa Editrice: Mondadori
Data di Pubblicazione: 16 Settembre 2014
Pagine: 272
Trama:
A un anno dalla morte del padre, il Bake Club è la prima cosa che riacquista un significato per Lottie. Misurare ingredienti e impastare dolci nel laboratorio della scuola insieme a Mac, il ragazzo per cui ha un debole, ha il potere di cancellare la dolorosa realtà che la circonda. Proprio come Mac, Lottie capisce che quello che desidera per il suo futuro è trasformare la sua passione in un mestiere.
Ma per farlo deve preparare il dolce perfetto, vincere la gara del torneo scolastico nazionale e soprattutto trovare il coraggio di rivelare ai suoi nuovi amici il segreto che tiene nascosto da troppo tempo.

Che dire? Sembra proprio il tipo di libro che fa per me, un contemporary di crescita personale, in cui la protagonista deve fare i conti con il dolore di una grave perdita, ricominciando a vivere.
 Una storia dolce come un muffin al cioccolato :)

lunedì 25 agosto 2014

JUST KIDDING!

Buoooongiorno! Eccomi di nuovo qui con una novità per il mio giovane blog. Fin da quando ho iniziato a pensare all'apertura di questo posticino speciale, mi era venuta in mente un'idea per una rubrica. Non è del tutto originale, infatti è simile alle rubriche in cui si condividono citazioni, ma con una nota divertente! Ogniqualvolta avrò una battuta o una frase che mi ha davvero fatta ridere durante la lettura, la pubblicherò in Just Kidding! di lunedì.
Che ne pensate??

Per l'inaugurazione della rubrica ho deciso di lasciarvi ben due delle battute migliori che ho scovato degli ultimi tempi. Se non avete ancora letto i libri in questione, vi garantisco che cercherò di non fare nessuno spoiler, ma se non volete rovinarvi il gusto di leggere queste frasi per la prima volta sul libro, allora saltatele!


Da Eroi dell'Olimpo. L'Eroe Perduto

"-Non riesco più a fare gas!- li mise in guardia Leo. Poi arrossì. -Cioè, ehm...questa mi è uscita proprio male eh?"







Da Shadowhunters. Città degli Angeli Caduti

"-Pensano di essere migliori degli altri.
-No, sono io che penso di essere migliore degli altri. Un'opinione che è stata ampiamente confermata in una vasta gamma di situazioni- intervenne Jace.
Kyle guardò Simon. -Ma questo parla sempre così?"



Vi sono piaciute queste citazioni? Ve le ricordavate?
Sarei felicissima di leggerne altre. Se avete voglia di condividerle scrivetele nei commenti!

domenica 24 agosto 2014

FROM ENGLISH WITH LOVE

In questa rubrica presenterò un libro uscito in lingua inglese che vorrei tradotto in italiano al più presto, in modo che tutti possano leggerlo!

Ciao a tutti e buona domenica!:) Eccomi di nuovo qui con un libro, pubblicato in lingua inglese, che vorrei vedere nelle librerie italiane. Si tratta di Of Poseidon di Anna Banks, che guarda caso è stato la mia prima lettura in lingua!!!

Titolo: Of Poseidon
Autore: Anna Banks
Casa Editrice: Feiwel & Friends
Pagine: 324
Titolo Tradotto da Me: Di Poseidone
Trama:
Galen è il principe di Syrena,  inviato sulla terra per trovare una ragazza che si dice sia in grado di comunicare con i pesci. Emma è in vacanza al mare. Quando si imbatte "letteralmente" in Galen (ahi!) entrambi i ragazzi percepiscono una connessione. Ma ci vorranno diversi incontri, tra cui uno mortale con uno squalo, perché Galen si convinca del dono di Emma. Ora, deve solo riuscire a convincere Emma di essere la chiave per salvare il suo regno ...
Raccontato da entrambi i punti di vista di Galen ed Emma, ecco qui una storia di un pesce fuor d'acqua che brilla con intrighi, umorismo, e ondate di romanticismo.

Of Poseidon è un libro fresco, divertente e dolce, che vi coinvolgerà nella storia di Galen ed Emma, entrambi con il loro bel caratterino, sempre pronti a lanciarsi battute e a prendersi in giro.
E i personaggi secondari non sono da meno, così teneri e comici, non potrete non affezionarvi a loro!

Sarei davvero felice se anche i giovani lettori italiani avessero la possibilità di scoprire questo affascinante mondo sommerso, ricco di mistero e colpi di scena. 
Se qualcuno volesse cimentarsi, consiglio la lettura in lingua, che ho trovato semplice e molto comprensibile.

La serie comprende tre libri, tutti già pubblicati:
The Syrena Legacy
  • Of Poseidon
  • Of Triton
  • Of Neptune
     
E le cover!!! Vogliamo parlarne? Sono tutte bellissime per me.

Cosa ne pensate? Avete letto questo libro oppure vi piacerebbe farlo?
Buona lettura e a presto:)



sabato 23 agosto 2014

THE ICE CREAM BOOK TAG!

Buongiorno!!
Il post di questa mattina sarà dedicato a un tag che ho scovato nella blogsfera e trovo simpaticissimo! In particolare hanno fatto questo tag Frannie, di Frannie Pan. Una lettrice tra le nuvole e Laura di The Booklover Nargles. Vi consiglio di andarli a vedere perchè sono molto carini!

E ora partiamo....

PISTACCHIO: ovvero un libro con una cover verde!

Più verde di così! L'amico immaginario, di Matthew Dicks è un libro tenero e simpatico e di cui ho un bellissimo ricordo. Racconta la storia di un amico immaginario e il bambino che lo ha creato in modo davvero originale.









NOCCIOLA: presenta una serie molto lunga che vorresti leggere quest'estate, ma che probabilmente non farai e perché.
                             
Vorrei davvero portarmi avanti con la serie, dato che sono ferma al secondo, ma non mi sento ispirata per leggere Percy Jackson, chissà, magari quest'autunno.


FRAGOLA: un libro con la storia d'amore più dolce

 Scegliere per questo gusto è stato molto difficile! Ho letto tantissimi libri con storie d'amore dolcissime, ma alla fine mi è venuto in mente questo, che per me è forse uno dei più belli!











VANIGLIA: mostra il tuo classico preferito 

Non potevo che scegliere Emma, d'altra parte Jane Austen è la mia scrittrice preferita. Il film inoltre è molto carino!











MENTA: Un libro per bambini che ti piace
Quando ero piccola avevo una vera ossessione per i libri di Geronimo Stilton. Ne avrò letti cinquanta e questo è uno dei più belli (ci sono anche delle pagine profumate!)










FIORDILATTE: un libro molto lungo, ma che hai letto velocemente

I libri di Dan Brown mi piacciono tantissimo, sono intriganti e misteriosi.
Inferno è stato il primo libro letto nel 2014 e mi è stato regalato per Natale dai miei genitori. Credo che tirandolo in testa a qualcuno potrebbe fare molto male, è un bel mattone!






Bene, fare questo tag è stato molto divertente e sono sicura che farà venire una grande voglia di gelato a tutti!
Taggo tutti quelli che hanno voglia di sperimentare questo tag rinfrescante. A presto:)

venerdì 22 agosto 2014

NON Recensione: NELLE TERRE ESTREME o INTO THE WILD

Titolo: Nelle Terre Estreme
Autore: Jon Krakauer
Casa Editrice: Corbaccio
Pagine: 266
Titolo Originale: Into The Wild
Trama:
Nell'aprile del 1992 Chris McCandless si incamminò da solo negli immensi spazi selvaggi dell'Alaska. Due anni prima, terminati gli studi, aveva abbandonato tutti i suoi averi e donato i suoi risparmi in beneficenza: voleva lasciare la civiltà per immergersi nella natura. Non adeguatamente equipaggiato, senza alcuna preparazione alle condizioni estreme che avrebbe incontrato, venne ritrovato morto da un cacciatore, quattro mesi dopo la sua partenza per le terre a nord del Monte McKinley. Accanto al cadavere fu rinvenuto un diario che Chris aveva inaugurato al suo arrivo in Alaska e che ha permesso di ricostruire le sue ultime settimane. Jon Krakauer si imbattè quasi per caso in questa vicenda, rimanendone quasi ossessionato, e scrisse un lungo articolo sulla rivista "Outside" che suscitò enorme interesse. In seguito, con l'aiuto della famiglia di Chris, si è dedicato alla ricostruzione del lungo viaggio del ragazzo: due anni attraverso l'America all'inseguimento di un sogno. Questo libro, in cui Krakauer cerca di capire cosa può aver spinto Chris a ricercare uno stato di purezza assoluta a contatto con una natura incontaminata, è il risultato di tre anni di ricerche.

Perché una NON recensione?

Quando ho iniziato questo libro, ho deciso che non l'avrei recensito. Questo perché non mi sembrava giusto e non mi sentivo adatta per dare un giudizio sulla vita di Christopher McCandless.
Anche se ora ho terminato la lettura, non sono ancora in grado di spiegare bene cosa pensi della storia di questo ragazzo. Il libro più che riflessioni, mi ha ispirato sensazioni e proprio queste mi hanno spinta a creare comunque un post dedicato a "Nelle Terre Estreme", che meritava senza dubbio di essere menzionato e conosciuto.
Circa un anno fa, vidi il film sotto consiglio e ne rimasi molto colpita. Il desiderio di conoscere però la storia autentica e non romanzata, come può essere quella di un film, mi ha spinta  a considerare la lettura del libro e così, quando me ne è capitata l'occasione, l'ho fatto.
Questi sono i miei pensieri (a volte forse scollegati) e le considerazioni che sono sorte dopo libro e film.

"Da due anni cammina per il mondo. Niente telefono, niente biliardo, niente animali, niente sigarette. Il massimo della libertà. Un estremista. Un viaggiatore esteta la cui dimora è la strada."

"Per non essere mai più avvelenato dalla civiltà, egli fugge, e solo cammina sulla terra per smarrirsi nella foresta."

Nelle Terre Estreme non è un libro sentimentalista, di quelli che fanno di tutto per entrarti nel cuore e strapparti una lacrima, ma un ritratto sincero, una ricerca il cui scopo è capire un po' di più questo ragazzo, che decise di fuggire dalla civiltà e vivere per qualche mese della natura incontaminata e selvaggia.
Non vi è presunzione di certezza o giudizio nello scritto di Krakauer, solo il pensiero di un uomo che ha deciso di non fermarsi all'apparenza dei fatti e di ricostruire tutta la storia dall'inizio, mettendo insieme i pezzi di un'avventura di due anni.

Credo che l'essenza del film sia leggermente diversa dal libro. Molto legata alle persone e all'effetto che l'incontro con Chris o Alex, come si fece chiamare, ebbe su di esse. Forse perché è difficile comprendere una storia in cui i protagonisti non sono persone. Risulta ostico, sconcertante. Eppure è proprio questa la sensazione che ho provato leggendo il libro: nonostante il conflitto con i genitori e i rapporti con la gente incontrata lungo il viaggio, le persone non hanno un ruolo fondamentale nella storia, tanto meno con la scelta di Chris.
I veri protagonisti sono quelli che elenca Christopher stesso: la verità, l'onestà, il realismo, l'indipendenza, la risolutezza, la stabilità, la coerenza e io aggiungerei la natura, la libertà, il richiamo delle terre selvagge e l'indomabile spirito della gioventù.


"Ti sbagli se credi che la gioia derivi soltanto o principalmente dalle relazioni umane. Il Signore l'ha disposta intorno a noi e in tutto ciò che possiamo sperimentare. Non dobbiamo che trovare il coraggio di rivoltarci contro lo stile di vita abituale e buttarci in un'esistenza non convenzionale."


Nel trattare i vari temi ho avvertito delicatezza da parte dell'autore, che ho molto apprezzato. Non è facile farsi coinvolgere in una storia come questa senza sbilanciarsi, ma allo stesso tempo facendo sentire l'intensità di ciò che viene raccontato.
Sia libro che film meritano di essere visti e amati, anche solo per conoscere la storia di un ragazzo che non ha rinunciato a quello in cui credeva.

Termino lasciando una frase che più di tutte mi ha colpita (presente peraltro anche nel film), scritta da Chris alla fine della sua avventura in Alaska, insieme alla sua ultima foto. Una frase che mi rende triste al pensiero di Christopher McCandless, ma che rappresenta qualcosa in cui io credo fermamente:

"Felicità è vera soltanto se condivisa."


giovedì 21 agosto 2014

Recensione CITTÀ DEGLI ANGELI CADUTI

Ecco qui la mia nuova recensione, anche se potrebbe assomigliare di più a una dichiarazione d'amore. Il libro parla da sé, non c'è bisogno di spiegarne il perché! (la rima è uscita da sola ehehe).

Titolo: Shadowhunters. Città degli Angeli Caduti
Autore: Cassandra Clare
Casa Editrice: Mondadori
Pagine: 476
Titolo Originale: City of Fallen Angels
Trama:
La guerra è conclusa e Clary è tornata a New York, intenzionata a diventare una cacciatrice di demoni a tutti gli effetti. E finalmente può dire al mondo che Jace è il suo ragazzo. Ma ogni cosa ha un prezzo. C'è qualcuno che si diverte a uccidere gli Shadowhunters, e ciò causa fra Nascosti e Cacciatori tensioni che potrebbero portare a una seconda, sanguinosa guerra. Simon, il migliore amico di Clary, non può aiutarla. Sua madre ha scoperto che è un vampiro e lui non ha più una casa. Quando anche Jace si allontana senza darle spiegazioni, Clary si trova costretta a penetrare nel cuore di un mistero che teme di svelare fino in fondo: forse è stata lei a mettere in moto la terribile catena di eventi che potrebbe farle perdere tutto ciò che ama. ­Jace compreso. Amore. Sangue. Tradimento. Vendetta. La posta in gioco non è mai stata così alta per gli Shadow­hunters…

La mia recensione:

Ritrovarsi ancora una volta a New York, nel mondo abitato dagli Shadowhunters, ha quel rassicurante sapore di familiarità che si sente tornando a casa da una lunga assenza.
Incontrare di nuovo tutti i personaggi che adori, immutati e legati gli uni agli altri da ormai tre romanzi è qualcosa di inspiegabile, senza contare che dovranno affrontare nuovi problemi, i cui sviluppi avranno risvolti inaspettati, che li porteranno a crescere e mutare nel corso della storia.

Continuando a leggere questa serie, mi rendo conto di quanto sia facile affezionarsi ai protagonisti, alle vicende e al mondo creato dalla Clare, che rientra senz'altro nella mia definizione di genio (ovviamente sotto alla regina Rowling). Ammetto che la prima volta in cui lessi Città di Ossa, il libro non mi catturò per nulla; vuoi per il periodo movimentato che stavo passando, vuoi per il genere di letture che mi piacevano al tempo (ero forse una lettrice un po' inesperta, condizionata dal primo libro letto e amato in un nuovo genere), sta di fatto che il libro non mi disse niente e decisi che non avrei continuato la serie.
Per fortuna, e ci credo fermamente, il successo riscosso dai libri della Clare mi spinsero a rileggere il primo volume dopo qualche tempo, alla ricerca di quel qualcosa di speciale di cui tutti parlavano. Il libro mi piacque molto di più e ne valutai le potenzialità future.
Da allora il mondo degli Shadowhunters mi ha stregata senza possibilità di salvezza.

La storia riprende poco dopo la conclusione di Città di Vetro: gli Accordi sono stati stilati, Jocelyn e Luke stanno per sposarsi e Clary, felicemente innamorata di Jace, ha deciso di allenarsi per diventare una vera Shadowhunter.
Ma l'apparente tranquillità viene turbata da una serie di omicidi. Alcuni Shadohunter vengono trovati morti nei territori dei Nascosti, aumentando le tensioni che da sempre esistono con i cacciatori di demoni.
Il mistero si infittisce mentre Simon viene coinvolto negli intrighi di altri vampiri e Clary si ritrova ad affrontare un Jace distante e turbato.
Che tutti questi avvenimenti possano in qualche modo essere collegati?

La storia è un crescendo di ansia e fiato sospeso, che mi ha fatta più volte saltare in piedi sul letto esasperata, fino alla scoperta dell'inquietante verità. E quando tutto sembra essere risolto, eccolo lì, il colpo di scena finale, che ti colpisce come un pugno e ti lascia senza fiato, anche se sapevi che sarebbe arrivato altrimenti la serie sarebbe finita. Ma è comunque uno shock.

Mentre la seconda parte è ricca di suspense, la prima è più lenta e...divertente! Non ho potuto fare a meno di annotare almeno una dozzina di frasi esilaranti, che guarda caso sono per la maggior parte pronunciate da Jace e Simon. Infatti in questo capitolo della serie, i due si trovano a passare parecchio tempo insieme e le battute sono in ogni pagina.
In Città degli Angeli Caduti si passa dall'umorismo sfrenato a momenti intensi e malinconici, con frasi memorabili che ti colpiscono il cuore.
Viene da chiedersi che cosa potrebbe mai aver fatto Jace di male nella vita per essere così irreparabilmente sfortunato. La Clare si è davvero accanita su di lui!

I personaggi secondari sono meravigliosi e non sarebbe lo stesso senza la saggezza di Luke, la timidezza di Alec, la sicurezza di Isabelle, la grinta di Maia, il senso del dovere di Jordan (lui è nuovo) e l'esplosività di Magnus, che sarà sempre il mio preferito.

L'unico piccolo difetto, non va a intaccare per nulla il romanzo originale, ma riguarda la traduzione. Come già era capitato con gli altri volumi, ho notato l'assenza di alcuni congiuntivi e ancor più fastidioso, lo scambio dei nomi dei personaggi in almeno due passaggi. A parte questo, non ho nulla di negativo da dire.

Potrei parlarne all'infinito, ma mi fermerò qui. Credo di non riuscire a sopravvivere senza sapere cosa succederà in Città delle Anime Perdute, ma ci proverò lo stesso. Ho intenzione di aspettare un po' prima di continuare la serie, godendomi con calma la lettura, per non farla finire troppo in fretta e per rimanere ancora un bel po' nel mondo degli Shadowhunters!

Voto: 5/5



mercoledì 20 agosto 2014

WAITING ON WEDNESDAY

Waiting on Wednesday è una rubrica ospitata dal blog Breaking The Spine in cui si mostra l'uscita più attesa ogni settimana.


Titolo: Lo Strano Caso dell'Apprendista Libraia
Autore: Deborah Meyler
Casa Editrice: Garzanti
Data di Uscita: 28 Agosto 2014
Titolo Originale: The Bookstore
Trama:
Esme ama ogni angolo di New York, e soprattutto quello che considera il suo posto speciale: La Civetta, una piccola libreria nell'Upper West Side. Un luogo magico in cui si narra che Pynchon ami passare i pomeriggi d'inverno e che nasconde insoliti tesori, come una prima edizione del Vecchio e il Mare di Hemingway. Ed è lì che il destino decide di sorriderle quando sulla vetrina della libreria vede appeso un cartello: cercasi libraia. È l'occasione che aspettava, il lavoro di cui ha tanto bisogno. Perché a soli ventitré anni è incinta e non sa cosa fare: il fidanzato Mitchell l'ha lasciata prima che potesse parlargli del bambino. Ma Esme non ha nessuna idea di come funzioni una libreria. Per fortuna ad aiutarla ci sono i suoi curiosi colleghi: George, che crede ancora che le parole possano cambiare il mondo; Mary, che ha un consiglio per tutti; David e il suo sogno di fare l'attore. Poi c'è Luke, timido e taciturno, che comunica con lei con le note della sua chitarra. Sono loro a insegnarle la difficile arte di indovinare i desideri dei lettori: Il Mago di Oz può salvare una giornata storta, Il giovane Holden fa vedere le cose da una nuova prospettiva e tra le opere di Shakespeare si trova sempre una risposta per ogni domanda. E proprio quando Esme riesce di nuovo a guardare al futuro con fiducia, la vita la sorprende ancora: Mitchell viene a sapere del bambino e vuole tornare con lei. Esme si trova davanti a un bivio. Il suo più grande desiderio sta per realizzarsi, ma non è più la ragazza spaventata di un tempo e non sa più se è quello che vuole davvero. Perché a volte basta la pagina di un libro, una melodia sussurrata, una chiacchierata a cuore aperto con un nuovo amico per capire chi si è veramente. Perché Esme non è più un'apprendista libraia, ora è una libraia per scelta. Lo strano caso dell'apprendista libraia è il romanzo più amato dalle librerie indipendenti americane. Grazie a loro è partito un passaparola tra i lettori che ne sono rimasti incantati. Deborah Meyler è convinta che l'esperienza più bella della sua vita sia stata lavorare in un negozio di libri e ha deciso di descriverla. Un romanzo che ricorda a tutti noi come il fascino delle librerie sia intramontabile. E che spesso quei luoghi pieni di scaffali polverosi nascondono sorprese inaspettate.

A quanto pare, questo libro è già un fenomeno editoriale e non è difficile capire perché. Niente attira una lettrice, e perché no un lettore, più di un romanzo ambientato in una libreria speciale, con una storia tenera ed emozionante; di sicuro io non riuscirei a resistere;)
Credo proprio che questo libro ruberà il cuore a tutti noi, amanti dei libri, che conosciamo la magia che solo una piccola libreria può regalare.






          

lunedì 18 agosto 2014

L'ANGOLO DI PRU


L'angolo di Pru è un posticino speciale per recensioni, raccomandazioni e molto altro su libri riguardanti gatti e altri animali.

Anche quest'oggi Pru ci parlerà di un libro riguardante un gatto;) , ma in questo caso è un libro che fa parte della mia wishlist e che quindi non ho ancora avuto modo di leggere.
La cover mi ha colpita subito, proprio perché la gattina mi ricordava tanto Pru da piccolina e poi si sa...non posso resistere a una bella storia quando ci sono di mezzo dei gatti!
Dunque cominciamo:

Titolo: Tilly. The Ugliest Cat: How I Rescued Her and She Rescued Me
Autore: Celia Haddon
Casa Editrice: Hamlyn
Pagine: 240
Trama:
Tilly ha trascorso gran parte della sua vita adulta in un rifugio nell'Oxfordshire, mai scelta, indesiderata e praticamente inselvatichita. Cercando una distrazione dai propri problemi, l'autrice e celebre editorialista di animali domestici, Celia Haddon inizia un progetto per trasformare Tilly in un animale domestico. Attraverso il viaggio di Tilly da gatto indesiderato e non adottabile ad animale domestico adorato, Celia comincia ad esplorare il proprio cammino interiore e il modo in cui i gatti l'avevano aiutata attraverso le difficoltà dell'infanzia e la mezza età, fino alla conoscenza di sé. Amando Tilly scoprì che poteva amare anche se stessa.

Questo libro mi ispira molto, tanto più che mi sembra possa aiutare tutti gli amanti dei gatti a capire meglio il loro comportamento e il modo migliore per approcciarsi a questi simpatici amici. Purtroppo però non è stato pubblicato in Italia.
Vi lascio con una foto della vera Tilly e di Celia:


sabato 16 agosto 2014

FROM ENGLISH WITH LOVE

In questa rubrica presenterò un libro uscito in lingua inglese che vorrei tradotto in italiano al più presto, in modo che tutti possano leggerlo!

Il libro di cui parlerò, l'ho scorto per la prima volta all'aeroporto di Lisbona, pochi giorni fa, in lingua inglese. Dello stesso autore ho già letto un altro libro: Il Centenario Che Saltò dalla Finestra e Scomparve, divertentissimo e assurdo, pubblicato in Italia da Bompiani.

Titolo: The Girl Who Saved The King of Sweden
Titolo in Italiano: La Ragazza Che salvò Il Re di Svezia
Autore: Jonas Jonasson
Trama:
Il 14 giugno 2007 il re e il primo ministro di Svezia scomparvero da un banchetto di gala al castello reale. In seguito venne detto che entrambi erano ammalati, ma la verità era ben diversa.
La vera storia inizia molto prima, nel 1961, con la nascita di Nombeko Mayeki in una baracca a Soweto. Nombeko era destinata a crescere in fretta e morire presto nel suo povero sobborgo, a causa di droghe, alcool, o disperazione. Ma Nombeko ha preso una direzione diversa.
 Trova lavoro come donna delle pulizie e si fa strada fino alla posizione di capo consigliere, al timone di uno dei progetti più segreti del mondo. Qui è dove la storia si fonde con la realtà. Il Sud Africa nel 1980, sviluppò sei missili nucleari, poi volontariamente li smantellato nel 1994.
Questa è la storia del settimo missile, quello che non sarebbe mai dovuto esistere. Nombeko Mayeki sa troppo di esso, e ora è in fuga sia dal sistema giudiziario sudafricano, sia dal servizio segreto più terribile del mondo. Il destino del pianeta ora si trova nelle mani di Nombeko. Jonasson ci presenta un cast di eccentrici: un americano disertore del Vietnam con i nervi danneggiati, due gemelli che sono ufficialmente una sola persona, tre ragazze cinesi incuranti, una giovane donna arrabbiata, una baronessa coltivatrice di patate, il re svedese e il primo ministro. Eccentrico e assolutamente unico, La Ragazza Che Ha Salvato Il Re di Svezia è il racconto affascinante e divertente dell'avventura improbabile di una giovane donna.

Dello stesso autore, pubblicati da Bompiani:
Il Centenario che Saltò dalla Finestra e Scomparve
L'analfabeta che Sapeva Contare

giovedì 14 agosto 2014

Recensione COME PER MAGIA

Titolo: Come per Magia
Autore: Kirsty Greenwood
Casa Editrice: tre60
Pagine: 213
Titolo Originale: Yours Truly
Trama:
Pur di evitare qualsiasi conflitto, Natalie Butterworth è disposta a tutto: spesso preferisce dire una bugia «bianca» che esprimere ciò che pensa davvero, e pur di assecondare le pretese della sua bislacca famiglia ha rinunciato al sogno di diventare una chef. Ora sta per sposarsi, ma invece di organizzare il matrimonio secondo i propri desideri cerca come sempre di accontentare tutti: la madre nevrotica, la sorella viziata, il fidanzato egocentrico fissato con il fitness, perfino la parrucchiera che le ha fatto un'acconciatura terrificante…
Una sera, però, Natalie accompagna la sua migliore amica Meg a uno spettacolo di magia e finisce per essere ipnotizzata: d'ora in poi potrà dire sempre e soltanto la verità, nient'altro che la verità. Dall'istante in cui pensieri e opinioni cominciano a uscirle di bocca senza più filtri, si mette in moto un'irresistibile reazione a catena che rischia di mandare completamente all'aria la sua vita, a partire dalle imminenti nozze. A Natalie non resta che mettersi alla ricerca del misterioso ipnotista per fargli annullare l'incantesimo, ed è seguendo le sue tracce che si ritrova nel paesino di Little Trooley, e nel pub dell'affascinante e ruvido Riley. Natalie non è a caccia di avventure, vuole solo tornare a casa, riprendere la tranquilla esistenza di sempre e sposarsi… ma è proprio questa la verità? Quando non puoi fare altro che essere completamente e spudoratamente sincera con tutti gli altri, puoi ancora mentire a te stessa?

La mia recensione

Non so davvero da dove partire per questa recensione! Il libro mi è piaciuto abbastanza, leggero, divertente, spesso addirittura esilarante. Ammetto di aver riso una decina di volte ad alta voce (e in pubblico ehehe).
Però c'è qualcosa che non mi ha convinta e a cui non so neanche bene dare forma.
Iniziamo dall'inizio! (che fantasia)
Come per Magia è la storia di Natalie, una giovane donna abituata a non dire mai ciò che pensa per evitare i conflitti e non far soffrire gli altri, che sta per sposarsi con l'uomo che ama e ha una famiglia un po' soffocante, ma che la sta aiutando moltissimo ad organizzare il suo matrimonio in tutta fretta.
Una sera, durante uno spettacolo di ipnosi al pub, Natalie viene ipnotizzata e da allora, ogni volta che qualcuno le rivolge una domanda, lei non può fare a meno di dire l'assoluta verità, che spesso stupisce persino lei.
Gli equivoci, le scene imbarazzanti e i colpi di scena sono in ogni pagina, mentre la buffa Natalie cerca disperatamente di ritrovare l'ipnotista che le ha rovinato la vita.

I personaggi sono tutti simpaticissimi e divertenti e contribuiscono non poco a creare equivoci e confusione. Ho adorato Alan con gli shampoo fatti in casa e Dionne che si porta sempre dietro il suo barboncino Jean Paul Gautier.

Penso che l'idea di questo libro sia veramente geniale. Appena ho letto la trama ho deciso che lo avrei letto e un colpo di fortuna mi ha fatto scovare l'ebook scontato.
La parte legata all'ipnosi di Natalie è davvero ben fatta, comica e spiritosa, mentre il resto mi ha convinta meno, soprattutto il rapporto della protagonista con gli altri personaggi, mi è sembrato a volte un po' strano, poco realistico. A metà del libro la storia si fa lenta, mi sembrava di non riuscire più ad andare avanti e mi chiedevo che cosa ci fosse ancora di nuovo nella storia per riempire altre 100 pagine.

Devo dire di esserci rimasta molto male quando ho scovato una domanda a cui Natalie non risponde, mentre invece dovrebbe essere obbligata dall'ipnosi. Ho sperato che fosse un problema della traduzione, ma mi sembra impossibile che abbiano cambiato una frase trasformandola in una domanda, seppur retorica.
Il finale riserva alcuni colpi di scena poco originali, che credo di aver visto e rivisto troppe volte nelle commedie in televisione per riuscire a stupirmi.
Nonostante questi punti deboli, a mio parere Come per Magia è una storia carina, che vi farà ridere e vi terrà compagnia in queste giornate soffocanti.

Prima di terminare non posso fare a meno di condividere qualche frase del libro davvero epica:

"lì, in fondo alla discesa, intorno al laghetto, c'è un gruppetto di pensionati che mi guarda come se avessi appena dichiarato che il bingo è stato messo fuori legge."

"Sembra uno Shar Pei, o peggio, Gordon Ramsay"

Voto: 3.5/5

mercoledì 13 agosto 2014

WAITING ON WEDNESDAY

Waiting on Wednesday è una rubrica ospitata dal blog Breaking The Spine in cui si mostra l'uscita più attesa ogni settimana.

Ecco qui un'uscita che aspetto con ansia:

Titolo: Gathering Darkness (Falling Kingdoms #3)
Autore: Morgan Rhodes
Casa Editrice in Italia: Nord
Data di uscita in lingua: Dicembre 2014
Trama:
Amore, vendetta e avidità scintillano nella ricerca mortale per la magia nel terzo libro della serie Falling Kingdom (La Caduta dei Tre Regni).
Il Principe Magnus ha appena assistito a tortura, morte e miracoli durante il sanguinoso conflitto che ha decimato le forze ribelli.
Adesso deve scegliere tra famiglia e giustizia mentre suo padre, il crudele Re Gaius, si prepara a conquistare tutta Mytica. Tutto ciò di cui ora Gaius ha bisogno sono i Catalizzatori- i quattro cristalli elementali che donano poteri divini al loro possessore.
Ma il Re del Sangue non è l'unico a dare la caccia a questa antica e leggendaria magia.
I KRAESHIANI si uniscono alla caccia. Ashur e Amara, i fratelli reali provenienti dal florido regno dall'altro lato del Mare Argentato, con fascino e manipolazione si fanno strada verso i Catalizzatori, dando prova di essere forse addirittura più spietati del Re del Sangue stesso.
I RIBELLI vanno avanti. La Principessa Cleo e il vendicativo Jonas li guidano, colpendo con dolcezza, abilità e un segreto che può controllare la straripante magia di Lucia- in modo da poter usare i Catalizzatori e riprendersi i loro regni.
I GUARDIANI seguono Melenia al di fuori del Santuario. Si alleano con Re Gaius, che giura di utilizzare i poteri di Lucia per trovare i Catalizzatori.
L'unica certezza in questi tempi oscuri, è che chiunque troverà la magia per primo, controllerà il destino di Mytica...ma il fato può essere volubile quando la magia è coinvolta.

Terzo volume di questa bellissima serie fantasy, ricca di colpi di scena, lotte, amori, alleanze e tradimenti.
Non vedo l'ora di leggere ancora le avventure di Cleo, Jonas e Magnus!

martedì 12 agosto 2014

L'ANGOLO DI PRU

L'angolo di Pru è un posticino speciale per recensioni, raccomandazioni e molto altro su libri riguardanti gatti e altri animali.

Per la prima puntata ho preparato una raccomandazione proprio speciale: un libro che ho letto alcuni mesi fa e che mi è piaciuto tantissimo e parla appunto...di un gatto di biblioteca!

Autore: Vicky Myron con Bret Witter
Titolo: Io e Dewey
Casa Editrice: Sperling & Kupfer
Pagine: 273
Trama:
A Spencer, un piccolo paese della provincia americana, un gattino di poche settimane viene lasciato da uno sconosciuto nella buca per restituire i libri della biblioteca pubblica. La bibliotecaria adotta il micetto e lo battezza Dewey. In poco tempo Dewey diventerà il beniamino di tutti i cittadini di Spencer che, da sospettosi e scorbutici, si trasformeranno in assidui frequentatori di libri. Dewey infatti possiede un dono: quello di comunicare con i disadattati, gli infelici, i bisognosi di affetto.

Questo libro è davvero carino, tenero e divertente. La storia di Dewey e dei suoi amici ha fatto il giro del mondo toccando il cuore di moltissime persone.
 Piacerà tantissimo a tutti gli amanti dei gatti e dei libri, consigliatissimo!

Voto: 5/5

lunedì 11 agosto 2014

Recensione LO STRANO CASO DEL DR. JEKYLL E MR. HYDE

Titolo: Lo Strano Caso del Dr. Jekyll e Mr. Hyde
Autore: Robert Louis Stevenson
Casa Editrice: Newton Compton Editori
Pagine: 123
Trama:
Lo strano caso del dottor Jekyll e del signor Hyde" segna il culmine dell'indagine stevensoniana sulla scissione della personalità. Hyde è la corporeità, il desiderio, la trasgressione che Jekyll occulta e proietta in un altro da sé per istituirsi come pura ragione e incontaminata virtù. Ma l'illusione di Jekyll di poter provocare a suo piacimento la dissolvenza del suo doppio si scontra con la volontà di Hyde di affermare il proprio diritto all'esistenza, in una lotta fra due componenti della stessa persona che avrà esiti tragici.

La mia recensione

Mettiamo subito in chiaro le cose: questo libro è meraviglioso. Un classico straordinario che ha colpito la mia immaginazione e in cui ho trovato molto più di quanto mi aspettassi.
(Piccolo inciso: mi succede quasi sempre coi classici. Sono classici per un motivo no? E ora che ho scritto 10 volte la parola classici continuiamo...)

Primo punto: la scrittura.
Ahhh la scrittura...semplicemente perfetta. Sin dalle prime parole ho adorato lo stile di Stevenson, pulito ed elegante.
Le descrizioni sono in grado di creare personaggi unici, vivaci e affascinanti mentre emergono dalle pagine come entità a sé, libere di agire secondo il loro carattere e la loro indole.

La storia è narrata dal punto di vista dell'avvocato Utterson, che passeggiando un giorno con il cugino Mr Enfield, viene a conoscenza di un fatto piuttosto bizzarro sul conto di un certo Mr. Hyde, che si dice abbia calpestato una bambina con molta cattiveria. Questo racconto colpisce molto Utterson, poiché si dà il caso che un suo caro amico e cliente, il Dr. Jekyll abbia lasciato al signor Hyde tutti i suoi beni in caso di scomparsa.
Da qui inizia una tortuosa ricerca della verità, sul perché un uomo tanto buono e onesto come il Dr Jekyll possa aver lasciato la sua eredità a un uomo crudele e malvagio come Hyde, che arriva addirittura a macchiarsi di omicidio.
Il mistero ci trascina sempre più verso il culmine degli avvenimenti e infine giunge la spiegazione finale, in cui vengono chiariti tutti i dubbi e sorgono varie riflessioni.

Nel libro più volte si incontra la parola umanità o umano ed è molto importante perché proprio di questo si tratta, della natura umana nella sua molteplicità intrinseca, di bene e male in eterna lotta.
Il Dr. Jekyll per trovare una soluzione a questa maledizione che affligge l'uomo, questa divisione nel profondo dell'animo, si spinge oltre ogni limite immaginabile, arrivando infine a scindere il male da sé, in modo che possa aver sfogo senza creare danni alla sua reputazione.
Purtroppo però le cose non vanno proprio come aveva previsto, perché se queste due parti, bene e male, dividono, ma allo stesso tempo compongono la natura umana, allora privarsi di una di esse, o addirittura renderla indipendente dall'altra, non può che portare alla catastrofe.
Il personaggio di Jekyll rappresenta in se stesso questa frattura, la dualità. Non solo per la creazione del suo alter ego Hyde, ma per i motivi che lo hanno spinto verso questo pericoloso esperimento. Egli infatti era tormentato dagli istinti più bassi e crudeli che da sempre reprimeva nella parte più nascosta della sua mente ( da qui il nome Hyde, hide in inglese significa nascondere), in nome di una condotta onesta e irreprensibile. La sofferenza portata da questa profonda repressione è la ragione che spinse il Dr. Jekyll alla rovina.
Si nota inoltre come Jekyll, nonostante provi orrore e senso di colpa nei confronti di Hyde, ne sia in realtà dipendente. Egli prova piacere per le azioni malefiche di Hyde, perché altro non è che la parte più celata di se stesso, quella che non ha mai osato esprimere.

Mr. Hyde è un personaggio senz'altro ambiguo. La personificazione del male, della corruzione, dell'odio, ma allo stesso tempo non può che attrarci.
Lo stesso Jekyll lo teme e lo ama, perché riconosce in lui la bellezza della libertà, della vitalità a cui Hyde non può rinunciare, a cui si aggrappa fino alla fine.
In qualche modo questo personaggio mi ricorda il Satana del Paradise Lost di Milton, eroico e quasi tragico nel suo ruolo di Nemico Supremo dell'altissimo Trono (Dio).
Importante quanto le sue azioni è l'aspetto di Hyde, la repulsione che ispira nelle persone, che ne avvertono una certa deformità senza essere in grado di spiegarla. Questo poiché Hyde è fatto di puro male, è unico nel suo genere, mentre le persone comuni sono un miscuglio di bene e male.

Un libro breve, interessante e ricco di spunti di riflessione. Davvero consigliato!

Voto: 5/5


sabato 9 agosto 2014

Luglio WRAP UP

Tutti i libri letti nel mese di Luglio
Purtroppo sono solo tre questo mese, perché tra vacanze e fine degli esami non sono riuscita a fare molto di più. In realtà ho iniziato anche un quarto libro, "Frozen. Heart of Dread", ma non sono sicura di finirlo perché fino a questo punto non è ancora riuscito a piacermi, la storia non mi cattura e ho trovato i personaggi noiosi e banali.
Ecco qui le letture di Luglio:

Titolo: One Day
Autore: David Nicholls
Casa Editrice: Hodder
Pagine: 435
Titolo in Italia: Un Giorno
Trama:
È l'ultimo giorno di università, e per due ragazzi sta finendo un'epoca. Emma e Dexter sono a letto insieme, nudi. Lui è alto, scuro di carnagione, bello, ricco. Lei ha i capelli rossi, fa di tutto per vestirsi male, adora le questioni di principio e i grandi ideali. Si sono appena laureati, l'indomani lasceranno l'università. È il 15 luglio 1988, e per la prima volta Emma e Dexter si amano e si dicono addio. Lui è destinato a una vita di viaggi, divertimenti, ricchezza, sempre consapevole dei suoi privilegi, delle sue possibilità economiche e sociali. Ad attendere Emma è invece un ristorante messicano nei quartieri nord di Londra, nachos e birra, una costante insicurezza fatta di pochi soldi e sogni irraggiungibili. Ma per loro il 15 luglio rimarrà sempre una data speciale. Ovunque si trovino, in qualunque cosa siano occupati, la scintilla di quella notte d'estate tornerà a brillare. Dove sarà Dexter, cosa starà combinando Emma? Per venti anni si terranno in contatto, e per un giorno saranno ancora assieme. Perché quando Emma e Dexter sono di nuovo vicini, quando chiacchierano e si corteggiano, raccontandosi i loro amori, i successi e i fallimenti, solo allora scoprono di sentirsi bene, di sentirsi migliori. Comico, intelligente, malinconico, Un giorno cattura l'energia sentimentale delle grandi passioni: i cuori spezzati, l'intricato corso dell'amore e dell'amicizia, il coraggio, le attese e le delusioni di chiunque abbia desiderato una persona che non può avere.

Questo libro mi è piaciuto moltissimo, qualche anno fa avevo visto il film e avevo deciso di comprarmi subito il romanzo da cui era tratto, ma fino ad ora non ero mai riuscita a leggerlo. Sono molto contenta di avergli finalmente dato la possibilità che merita. A frenarmi era stato probabilmente l'inglese, poiché lo avevo acquistato in lingua originale e la lettura non era troppo semplice.
(Piccolo inciso: la trama della versione in italiano non mi piace molto, trovo che non renda bene l'atmosfera del libro)
Voto: 5/5

Titolo: Cigni Selvatici. Tre figlie della Cina
Autore: Jung Chang
Casa Editrice: Tea
Pagine: 662
Trama:
La storia vera di "tre figlie della Cina" (l'autrice, sua madre, sua nonna) le cui vite e le cui sorti rispecchiano un secolo di storia cinese, un tempo di rivoluzioni, di tragedie e di speranze: dall'epoca dei "signori della guerra" all'occupazione giapponese e poi russa, dalla guerra civile tra i comunisti e il Kuomintang alla lunga Marcia di Mao e alla Rivoluzione Culturale. Allevata come una "Guardia rossa", Jung Chang raccoglierà infine l'eredità di dolore e di speranza di sua nonna e di sua madre, opponendosi al regime, che le deporterà i genitori in un campo di rieducazione e la esilierà ai piedi dell'Himalaya, fino all'insperata occasione di espatrio, nel 1978, verso l'Inghilterra.

A questo libro ho dedicato un'intera recensione. Interessante e coinvolgente mi ha portato via moltissimo tempo visto che ha più di 600 pagine.
Voto: 4.5/5

Titolo: Colpa delle Stelle
Autore: John Green
Casa Editrice: Rizzoli
Pagine: 347
Titolo Originale: The Fault in Our Stars
Trama:
Hazel ha sedici anni, ma ha già alle spalle un vero miracolo: grazie a un farmaco sperimentale, la malattia che anni prima le hanno diagnosticato è ora in regressione. Ha però anche imparato che i miracoli si pagano: mentre lei rimbalzava tra corse in ospedale e lunghe degenze, il mondo correva veloce, lasciandola indietro, sola e fuori sincrono rispetto alle sue coetanee, con una vita in frantumi in cui i pezzi non si incastrano più. Un giorno però il destino le fa incontrare Augustus, affascinante compagno di sventure che la travolge con la sua fame di vita, di passioni, di risate, e le dimostra che il mondo non si è fermato, insieme possono riacciuffarlo. Ma come un peccato originale, come una colpa scritta nelle stelle avverse sotto cui Hazel e Augustus sono nati, il tempo che hanno a disposizione è un miracolo, e in quanto tale andrà pagato.

Basti sapere che ho letto questo libro in meno di un giorno e sì, ho pianto.In più è stato un regalo inaspettato dal mio fidanzato*.* Andrà sicuramente a far parte della mia Top Ten 2014.
Voto: 5/5 meritatissimo!